More projects

Hillary Clinton:
The Power of Fashion

The Power of Fashion: AKA i messaggi dietro lo stile di Hillary Clinton

E’ da anni nel mondo della politica ma possiamo dire che con la corsa alla Casa Bianca Hillary Clinton abbia dato senza dubbio una maggiore attenzione al suo lato fashion. Non si parla solo di stile e di abiti business, bensì di messaggi trasmessi e rafforzamento di un’immagine che si evoluta molto da quando la candidata era First Lady in Arkansas nel 1978. 

Cosa c’è dietro la scelta del rosso indossato per il primo dibattito elettorale? Qual è il capo preferito da Hillary Clinton? 

In occasione dell'ultima settimana pre-elezioni, che culminerà martedì 8 Novembre, la piattaforma di moda di Stylight ha analizzato i 39 outfit che la candidata presidenziale ha indossato a partire dalla sua vittoria delle primarie del Partito Democratico a Luglio. Ecco dunque numeri ed evoluzione dello stile della prima donna candidata alla Presidenza degli Stati Uniti.

[unex_ce_button id="content_77rct5wuh,column_content_l8toxbffn" button_text_color="#ffffff" button_font="bold" button_font_size="15px" button_width="auto" button_alignment="left" button_text_spacing="2px" button_bg_color="#000000" button_padding="15px 60px 15px 60px" button_border_width="0px" button_border_color="#000000" button_border_radius="0px" button_text_hover_color="#000000" button_text_spacing_hover="2px" button_bg_hover_color="#ff926b" button_border_hover_color="#ff926b" button_link="http://love.stylight.it/wp-content/uploads/sites/19/2016/10/Hillary-Clinton-The-Power-of-Fashion-Infografica-Stylight-1.png" button_link_type="download" button_link_target="_self" has_container="" in_column="1"]DOWNLOAD INFOGRAFICA[/ce_button]
  • gallery-image

Quali colori e cosa trasmettono?

Dobbiamo dare il giusto credito ad Hillary Clinton: non ha paura dei colori. Il suo preferito nel corso della campagna elettorale? Il blu, che ha usato nel 20% dei suoi outfit elettorali. E fin qui nessuna sorpresa, dato che è il colore dei democratici. Ma c’è di più. Secondo l’esperta di psicologia dei colori Silvia Regnitter-Prehn, il blu comunica desiderio di impegnarsi e la capacità di gestire le proprie emozioni. Il rosso sarà anche il colore dei repubblicani, ma il 13% delle volte la candidata ha sfoggiato un outfit di questo colore, in particolare in occasione di eventi molto importanti. Tra essi, la sua nomina ufficiale a candidato presidenziale in Luglio e il primo dibattito ufficiale con il suo avversario Donald Trump, nel quale ha indossato un blazer di Ralph Lauren (ovviamente capi sobri, non certo tubini rossi!).

Clinton ha perseverato nella sua scelta dello stilista americano e ha scelto poi un suo blazer blu navy con colletto bianco e un terzo in look total white, che mostra il suo omaggio al movimento femminile delle suffragette (incoraggiate ad inizio ‘900 a partecipare alle manifestazioni indossando abiti bianchi).

Lo stile di Hillary: the “Pantsuit Aficionado”

Quando ricopriva il ruolo di First Lady, Hillary era nota per i suoi cerchietti, i tailleur, e gli abiti da sera scintillanti. Ma quei tempi sono passati: dopo la sua nomina come candidato alle elezioni e nel corso della sua campagna elettorale l’aspirante Presidente ha indossato solo pantaloni. Solo nel corso di una cena di beneficenza a ottobre, l’abbiamo vista con un abito da sera (sempre Ralph Lauren!) fucsia lungo fino ai piedi. Ovviamente non parliamo di abiti business da uomo: i tailleur di Hillary mantengono sempre elementi femminili.

Nella sua biografia Twitter Hillary si autodescrive ‘pantsuit aficionado’ e in diverse occasioni ha rimarcato questa sua passione in maniera piuttosto auto-ironica. Ospite da David Letterman, ha commentato “Grazie ad internet, posso ordinare tailleur con pantaloni 24/7”. Oppure, quando ai Glamour Women of the Year Awards nel 2008 ha commentato “Ringrazio Glamour perchè ha apprezzato i miei tailleur: è stato uno degli highlight della mia campagna presidenziale!”.

 

  • gallery-image

 

Tutti lo sanno e tutti ne parlano: il 26 settembre 2016, giorno del dibattito presidenziale, la domanda “Why does Hillary always wear pants?” era tra le top 5 trending question chieste a Google sulla candidata.

Se ciò non bastasse, i supporter di Hillary Clinton hanno indetto per lo scorso 22 Ottobre il “National Pantsuit Day”, mentre tra i prodotti del suo merchandising ufficiale era possibile (ora è sold-out!) acquistare la “The Everyday Pantsuit Tee” per 30$.

 

Fortunatamente siamo nel 2016 e Hillary può indossare la sua passione tranquillamente: è solo dal 1993 che le senatrici degli Stati Uniti possono indossare tailleur pantalone al Senato. Incredibile, ma vero.

La candidata alla presidenza non è l’unica artefice del suo stile; la fashion designer Nina McLemore ha supportato per diverso tempo la Clinton nella scelta dei suoi outfit più business. E non è la sola. Si dice che dietro i look di Hillary di questa ultima campagna elettorale ci sia proprio la sua supporter e Direttrice di Vogue US Anna Wintour. C’è una curiosità dietro questa amicizia Clinton-Wintour: nel 2008, quando Hillary correva per le primarie della Casa Bianca contro Barack Obama, ha rifiutato di posare per la cover di Vogue US perchè aveva “paura di sembrare troppo femminile”; commento che la Wintour non ha decisamente condiviso. A Marzo 2016, invece, arriva la novità: Hillary viene fotografata da Mario Testino in un servizio che occupa 10 pagine del celebre magazine di moda. A Settembre, l’endorsement ufficiale di Vogue US, per la prima volta nei 124 anni di storia del magazine.

Sembra il set-up perfetto, ma anche con un fashion-entourage così possono esserci problemi. In Aprile la Clinton fa un discorso sul tema della disparità dei salari negli Stati Uniti indossando un cappotto Armani da 12.495 dollari. Non c’è bisogno di dire che gli Americani - nelle loro giacche camouflage - non abbiano molto apprezzato. Hillary ha però dimostrato di aver imparato la lezione e da quel momento ha indossato cinque outfit per due volte consecutive!

 

  • gallery-image

Hairstyle: l'evoluzione

"Presta attenzione ai tuoi capelli, perché gli altri faranno altrettanto."  Quello che sembra una massima estratta da una rubrica beauty, è in realtà un’affermazione fatta dalla stessa Hillary Clinton. Ha snocciolato questo consiglio un paio di anni fa in occasione di un discorso presso l’università che ha frequentato: Yale. Ed è un consiglio a cui si era attenuta in prima persona anche in precedenza. Nel 1995 ha interpretato una versione caricaturale di se stessa, dal nome "Hillary Rodham Gump" e si è presa in giro rivisitando la nota citazione dal film Forrest Gump: "Mamma diceva sempre: la vita è come un taglio di capelli. Continui a cambiarlo finchè non ne trovi uno che funzioni.”

Eh sì, persino il suo taglio di capelli non è casuale. Le frange voluminose e i cerchietti sono ormai un ricordo del passato e la sua hairstylist descrive il suo taglio come "femminile ma classico. Ravvivandolo un po’ all’indietro, conserva una bella linea. Il taglio valorizza gli zigomi ed è voluminoso nella parte superiore.” Un taglio che si addice ad una donna di potere insomma.

 

[unex_ce_button id="content_fqx6hxfjg,column_content_l8toxbffn" button_text_color="#ffffff" button_font="bold" button_font_size="15px" button_width="auto" button_alignment="left" button_text_spacing="2px" button_bg_color="#000000" button_padding="15px 60px 15px 60px" button_border_width="0px" button_border_color="#000000" button_border_radius="0px" button_text_hover_color="#000000" button_text_spacing_hover="2px" button_bg_hover_color="#ff926b" button_border_hover_color="#ff926b" button_link="http://love.stylight.it/wp-content/uploads/sites/19/2016/10/Hillary-Clinton-The-Power-Of-Fashion-Slides-Stylight-1.zip" button_link_type="download" button_link_target="_self" has_container="" in_column="1"]DOWNLOAD SLIDES[/ce_button]

Quale look avete preferito?